“Lo stile è superiore alla verità, porta in sé la dimostrazione dell’esistenza”.

(Gottfried Benn)

Arriva prorompente il mese del caldo che avvolge illuminando l’ambiente e lo spirito. Alle volte tornare al passato rappresenta un vero progresso, così abbiamo deciso di attraversare vari stili espressivi, per un viaggio nelle più belle epoche storiche e stilistiche, intonando l’insieme su nuove varianti armoniche.

Ogni estate ha la sua luce, ci sono alcuni dettagli che si lasciano investire ed attraversare, innamorandosi dell’illuminante corpo che brilla e dona fascino. Passando per mille lune e mille soli si arriva lontano in un tempo di dolce candore, tra passato e presente sospesi nell’idealità di ciò che è distante.

Ogni colore ha il suo significato, per un’estate ricca di gioia, lo sguardo si posa negli ambienti riempiendosi di vivacità con complementi d’arredo insoliti, tra scarpe ottocentesche in porcellane pop e tappeti fantasiosi, tappezzerie e insiemi variopinti, dove l’esotismo diventa di casa.

Ogni angolo ha il suo compito, accogliere, addolcire, rallegrare, rilassare. I nostri diventano paradisi privilegiati di eleganza e compostezza, intonando un momento di splendida perfezione. La natura ristora ogni ambiente, l’ossigeno investe di un verde vivace l’intorno, per arredi che diventano quasi vivi e festanti: si attende l’esplosione dei raggi del sole, a coronamento di un mondo quasi fatato.

Gli specchi riflettono, ma quelli di Atelier de France lo fanno con apparente e timida consapevolezza, rivestiti di colori dalle lampade wireless Anna Lari. Tappeti con cromie sgargianti, cuscini e complementi ideali si avvolgono abbracciandosi in intricate armonie.